prima casa.jpgCome dimostrano i dati del Ministero dell'Economia e delle Finanze, portando a 500 euro la detrazione sull'IMU prima casa (attualmente pari a 200 euro) verrebbero esentati dall'imposta il 77 per cento dei contribuenti. Questa operazione costerebbe all'erario 1,6 miliardi di euro annui anziché i 4 miliardi annui necessari per la totale abolizione dell'IMU prima casa. Le risorse risparmiate, preziosissime in tempi di vacche magre, potrebbero essere utilizzate per finanziare gli ammortizzatori sociali o la riduzione dell'imposizione sui redditi da lavoro. Interventi assai più necessari della cancellazione dell'IMU sulle prime case anche dei contribuenti più ricchi.