Il governo studia come migliorare ulteriormente i provvedimenti di tutela e sostegno avviati con gli ultimi provvedimenti attraverso un nuovo decreto, che dovrebbe arrivare entro i primi 10 giorni di aprile 2020. I dettagli emergono dal viceministro dell’Economia, Antonio Misiani, il quale ha sottolineato le ultime misure allo studio dei tecnici.

In particolare, l’indennizzo destinato ai lavoratori autonomi e professionisti, conosciuto ad oggi come “bonus Inps da 600 euro“, potrebbe estendersi fino agli 800 euro, seppure con dei criteri differenti di fruizione. La cifra massima dovrebbe infatti essere assegnata passando per una maggiore selettività, in modo da garantire che la misura di welfare possa avere la maggiore efficacia possibile.

Ma il nuovo decreto dovrebbe pensare anche ad un sostegno per chi lavora in nero, offrendo un mini reddito da 400 euro ad una platea di circa 3,7 milioni di persone (il dato emerge dalle ultime proiezioni ad opera dell’Istat). Per la fruizione della misura basterà poter dimostrare di aver versato contributi all’Inps anche per poche settimane nel corso dell’ultimo biennio, mentre il mini-bonus sarebbe erogato per almeno un paio di mesi.