Sono tre le priorità della politica economica del nascente governo tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. A fare il punto sui principi fondamentali sui quali verrà costruita la Legge di Bilancio è il senatore Antonio Misiani, responsabile economico del Pd intervistato da Affaritaliani.it. Venerdì 30 agosto Misiani parteciperà a La Piazza, la kermesse organizzata da Affaritaliani.it a Ceglie Messapica (Brindisi).

Il primo punto, spiega Misiani, è "la graduale riduzione della pressione fiscale, a partire dal blocco degli aumenti IVA previsti nel 2020 e dal taglio del cuneo fiscale, recuperando le risorse necessarie anche attraverso un piano ambizioso di abbattimento dell’evasione fiscale".

Al secondo punto c'è "un forte rilancio degli investimenti pubblici e privati come via maestra per fare ripartire l’economia. Immaginiamo un Green new deal italiano per creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro nell’economia “verde” e dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030. Un ruolo importante lo avranno anche gli investimenti in infrastrutture di trasporto e nella banda ultra larga".

Come terzo punto, il responsabile economico del Pd individua "un aumento graduale della dotazione di risorse della scuola, della sanità e del welfare. Dobbiamo rafforzare gli interventi in favore delle famiglie e dellla disabilità e sostenere la scuola, l’università e la ricerca", conclude Misiani.